Domande dal 4 febbraio per i nuovi bandi regionali a favore delle nuove imprese giovanili e femminili

22 Gennaio 2013

Domande dalle ore 10.00 del 4 febbraio 2013 per i nuovi bandi a favore dell'imprenditoria femminile e giovanile.
Sono rivolti alle nuove Piccole e Medie Imprese (PMI), con sede in Veneto, nate dopo l'1 luglio 2011 (sia imprese individuali, cooperative, consorzi, società di persone, di capitali) e prevedono contributi a fondo perduto per investimenti delle nuove PMI a prevalente partecipazione giovanile e per PMI a prevalente partecipazione femminile.

Il contributo coprirà le spese ammissibili al massimo per il 50% (max di 10 mila euro per spese fino a 20 mila euro, e max 75 mila euro per spese fino a 150 mila).

Dettagli sui nuovi bandi, modulistica e tutta la documentazione prevista sono reperibili ai link:

La modalità di ricevimento sarà quella "a sportello" senza cioè scadenze temporali per la presentazione.

Possono beneficiari degli aiuti agli investimenti le imprese con sede operativa nella Regione Veneto apparteneneti ai seguenti settori di attività, classificazione ISTAT ATECO 2007:

C – Attività manifatturiere
F – Costruzioni
G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio
I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
J – Servizi di informazione e comunicazione
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche, escluso il numero 69
N – Noleggio, agenzie di viaggi, servizi di supporto alle imprese
R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento”, escluso il numero 92
S – Altre attività di servizi, escluso il numero 94.
L'elenco completo e dettagliato dei settori è allegato al bando.


Sono ammissibili le spese sostenute e pagate dalle PMI per la realizzazione del progetto approvato a partire dal 1° luglio 2011 relative a:
- macchinari, hardware, dispositivi elettronici, arredo, beni strumentali e relative spese di trasporto e di installazione, strettamente inerenti all’attività produttiva;
- impianti generali: idrico-sanitario, riscaldamento, condizionamento, elettrico;
- opere edili relative ad interventi di ristrutturazione o manutenzione straordinaria, entro il limite massimo del 50% dell’intero investimento;
- progettazione e direzione lavori, nel limite massimo del 7% dell’investimento;
- mezzi di trasporto ad uso interno o esterno, ad esclusivo uso aziendale;
- brevetti e licenze d’uso;
- acquisto di software ed eventuale relativo addestramento per l’utilizzo dello stesso;
- atti notarili di costituzione di società.

La domanda di ammissione al contributo, deve essere inoltrata a partire dalle ore 10 del 4 febbraio 2013, tramite raccomandata o posta elettronica certificata (PEC).

Per ulteriori maggiori dettagli: Regione Veneto Direzione Industria Tel. 041/279 58 17 - 279 58 09 - 279 58 25 - 279 58 22 - 279 58 47 - 279 58 10


Condividi sui tuoi social network


SERVIZI PER LE IMPRESE

L’obiettivo di Verona Innovazione è di contribuire alla crescita della qualità e dell’innovazione del sistema delle imprese del territorio veronese con particolare attenzione a quelle medie e piccole.